Articles

3 TRICKS TO LEARN NEW KARATE TECHNIQUES FAST — Jesse Enkamp


3 TRUCCHI PER IMPARARE VELOCEMENTE NUOVE TECNICHE DI KARATE 3 TRUCCHI PER IMPARARE VELOCEMENTE NUOVE TECNICHE DI KARATE Ti è mai capitato di faticare a ricordare tutte le tue tecniche di karate? Non sei il solo, credimi. Memorizzare l’ampia gamma di mosse di karate, sia che si tratti di kata, kihon, kumite può rappresentare una vera e propria sfida. Io lo so bene, poiché ho iniziato a studiare karate da bambino e lo insegno da quand’ero un teenager. Memorizzare le mosse di karate può essere molto difficile, e apprendere è un’abitudine. Ma alcuni di noi si allenano solo un paio di volte alla settimana, così che diventa difficile mantenere viva quell’abitudine a imparare costantemente materiale nuovo: ecco perché oggi voglio rivelarvi tre trucchi per memorizzare più velocemente ogni tecnica di karate. Continuate a guardare Il primo è analogico, il secondo è digitale mentre il terzo è di natura psicologica. Molto interessante. Il primo trucco per memorizzare ogni tecnica di karate richiede un’attrezzatura molto sofisticata e tecnologicamente avanzata in possesso solo di una ristretta cerchia della popolazione: sto parlando di carta e penna; in altre parole, tenere un diario di allenamento, proprio come questo, è uno dei migliori strumenti che puoi utilizzare per memorizzare le tue tecniche di karate. Ora, questo diario che ho qui con me risale al periodo in cui vivevo ad Okinawa, la patria del karate. Ero solito annotare tutto ciò che imparavo ad ogni allenamento, così da non dimenticare tutti quegli importanti dettagli e feedback che il sensei mi dava. Lascia che ti legga un estratto… Dunque, vediamo… Ecco, questo è del 2009, stando a quanto è riportato qui; ad esempio, qui ho scritto che quando eseguo un mae geri, un calcio frontale, non devo abbassare la spalla mentre calcio. E questo è uno dei tanti dettagli importanti che mi sono segnato nel 2009 in modo tale da ricordarmelo in futuro, e mentre lo leggo ora riesco a ricordarmi perfettamente dov’ero nel momento stesso in cui l’ho scritto. Si tratta di uno strumento molto efficace per ricordarsi le cose perché racchiude in sè il feedback: si passa da una funzione verbale ad una chinestetica, ed è per questo che resta sempre con te. A casa ho pile e pile di questi diari: dai training camp a quando viaggio, o insegno, o mi alleno da solo o semplicemente dalle lezioni nel dojo. E non importa se sei un Maestro o un allievo. Se vuoi ricordare tutte quelle cose fantastiche che scopri nel corso del tuo cammino nel mondo del karate, prendi l’abitudine di segnarti le cose. Ha senso? Fantastico, proseguiamo. Il secondo strumento per memorizzare ogni tecnica di karate è, come ho detto in precedenza, di natura più prettamente digitale, ed è questo: procurati un cellulare, o una videocamera, qualcosa con cui filmare le tecniche. Le foto sono una cosa, ma i video sono ancora meglio. Ora, non ti sto chiedendo di filmare il tuo istruttore o di filmare il tuo sensei, poiché a volte può sembrare maleducato, specie se non chiedi il permesso prima. Ma ecco come faccio io: dopo la lezione, dopo che ho imparato qualcosa che voglio davvero ricordare, semplicemente mi filmo, oppure chiedo a qualcun altro di filmarmi mentre eseguo quelle tecniche che voglio ricordare. Lascia che ti faccia un esempio: un paio di anni fa mi trovavo in Australia; tenevo una serie di seminari, e dopo uno dei miei seminari, penso fosse a Melbourne, questo maestro di Shito-ryu che partecipava al seminario, decise di insegnare a me un kata al termine del seminario, cosa di cui gli sono immensamente grato, e naturalmente non avevo molto tempo a disposizione, così decisi di filmare il kata come mio riferimento personale. Ora, questo video non è stato girato per essere mostrato ad altri ma giusto per farti un esempio, diamoci una rapida occhiata. Ecco che aspetto potrebbe avere un video in cui ti filmi allo scopo di ricordarti di quelle tecniche che intendi memorizzare. Non sto scherzando, ho diversi dischi rigidi in cui tengo tutte quelle cose che voglio ricordare e che ho filmato per me stesso, e che non intendo pubblicare. D’ora in poi prendi l’abitudine, se non di annotarti tutto, almeno di usare il tuo cellulare, la tua videocamera, o qualsiasi altro strumento simile, per registrare qualcosa, poichè potrai rivedere quel filmato dovunque, quando sei a casa, quando sei sul bus, mentre sei in viaggio, quando aspetti in coda alla cassa del supermercato, quando sei in bagno… dipende da te. E ogni volta che guardi quel filmato, rinforzi quei percorsi neurologici associati a quelle tecniche che vuoi ricordare: ecco perché è così efficace. E, ultimo ma non meno importante, ecco il terzo trucco per ricordare ogni tecnica di karate. Questo, penso, è forse il più importante. Vedi, la mente umana ha difficoltà a ricordare le cose quando non c’è uno scopo determinato o un significato preciso dietro ad esse. In altre parole, la ricerca suggerisce che se conosciamo il perché, lo scopo di ciò che stiamo facendo, allora riusciamo a contestualizzarlo, cosa che ci permette di memorizzarlo in modo molto più efficace e duraturo. Ad esempio, poniamo che stai imparando un kata: se il tutto si esaurisce in una serie casuale di tecniche, allora sarà difficile per te ricordare l’ordine preciso in cui esse appaiono all’interno del kata. Ma se dai a quella sequenza un significato specifico, in altre parole, se ti viene insegnato il bunkai, ovvero le applicazioni pratiche delle mosse, allora riuscirai a ricordare l’intero kata molto più velocemente che non provando a memorizzare le singole tecniche astratte. Lascia che ti faccia un esempio. Ascolta questa frase: “Le donne di fronte a lui mangiavano delle arachidi dall’odore così invitante che riusciva a malapena a contenere la sua fame”. Questa frase può essere facilmente memorizzata da molti. Se noi, però, mescoliamo le parole, se le spostiamo a caso qua e là all’interno della stessa frase così che essa perda il suo significato, allora solo pochi riusciranno a memorizzare tutte le parole, poiché a questo punto la frase non ha più senso: “La sua fame mangiavano di fronte a lui che riusciva a malapena a contenere così invitante delle arachidi le donne dall’odore”. In altre parole, se vuoi ricordare le tue tecniche di karate, queste devono avere un significato. Devono essere ricche di significato, devono avere uno scopo, e a tal fine è importante conoscerne le applicazioni, in modo tale da passare dall’astrazione ad un contesto concreto. Ed ecco fatto! Questi tre trucchi ti aiuteranno ad incrementare la tua velocità di apprendimento in un batter d’occhio. Detto questo, il metodo più efficace per ricordare le cose è fare pratica: allenarsi, allenarsi e ancora allenarsi. Prendi l’abitudine di imparare cose nuove. Il secondo modo più efficace per conoscere qualcosa è insegnare, poiché se uno insegna, due imparano. Fino ad allora, inizia a segnarti le cose su un diario, inizia a filmarti e fai in modo di conoscere il significato di ogni singola mossa. Tutto questo ti aiuterà a ricordare più velocemente ogni tecnica di karate. Allenati duramente, buona fortuna e divertiti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *